Consulenza sulle agevolazioni per mutui e finanziamenti per il risparmio energetico
Consulenza sulle agevolazioni per mutui e finanziamenti per il risparmio energetico

Mutui

E’ possibile usufruire di un valido strumento economico-contrattuale quale l’accollo del mutuo con le agevolazioni che ne derivano. In particolare il vantaggio di risparmiare le spese che vanno necessariamente sostenute per l’accensione e la stipula di un nuovo contratto di mutuo:

  • spese notarili
  • spese di istruttoria
  • imposta sostitutiva

Agevolazioni e finanziamenti per risparmio energetico

Hai mai sentito parlare di agevolazioni fiscali in materia di riqualificazione energetica? Sai quali detrazioni, mutui e finanziamenti sono previsti per gli interventi di risparmio energetico degli immobili?

Procediamo con ordine: cos'è una detrazione fiscale?

Una detrazione fiscale consiste in un importo che il contribuente ha il diritto di sottrarre dal totale delle tasse sui redditi di cui è debitore verso lo Stato Italiano.

L'Ecobonus è un'agevolazione fiscale prevista per i contribuenti che sostengono spese per interventi di riqualificazione energetica nella propria casa, sugli edifici condominiali o sugli uffici, negozi, capannoni. Tale agevolazione, consiste in una detrazioni dall’Irpef se la spesa è effettuata dal contribuente privato o dall’Ires se impresa o società, che lo Stato riconosce quando vengono eseguiti lavori per aumentare l'efficienza energetica degli edifici già esistenti.

La legge di Stabilità 2015 ha prorogato al 31 dicembre 2015 la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici al 65%. A partire dal 1° gennaio 2016, poi, la percentuale diminuirà al 36%. Si tratta di un'agevolazione fiscale prevista per i contribuenti che sostengono costi di riqualificazione energetica nella propria casa, interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che riguardano le singole unità immobiliari di cui si compone un condominio.

La Legge si Stabilità 2015 ha apportato le seguenti modifiche:

  • Aumento dal 4% all'8% della ritenuta d'acconto sui bonifici che poste e banche effettuano all'impresa che svolge gli interventi
  • Estensione dell'agevolazione anche a nuovi interventi, tra cui schermature solari (limite di 60.000€), impianti di climatizzazione invernale (limite di 30.000€)

Queste detrazioni vengono riconosciute dallo Stato nel momento in cui vengono eseguiti i lavori al fine di incrementare e migliorare l'efficienza energetica degli edifici preesistenti. Una novità è stata introdotta dall'art. 12 del decreto delle semplificazioni fiscali (decreto n.175): è stato eliminato l'obbligo di invio della comunicazione all'Agenzia delle Entrate per i lavori che proseguono per lunghi periodi di imposta.

Quali sono gli interventi che sono oggetto di queste detrazioni fiscali?

  • Azioni volte a ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento dell'edificio
  • Azioni mirate a migliorare e mantenere il calore all'interno dell'immobile
  • Azioni per l'installazione di pannelli solari
  • Azioni per sostituire gli impianti di climatizzazione invernale, con meno sprechi di energia, più risparmio e maggiore efficienza energetica

Quali sono gli obiettivi che lo Stato Italiano si è prefisso di raggiungere con tali agevolazioni?

  • Ridurre il fabbisogno energetico utile ai fini del riscaldamento
  • Migliorare l'aspetto termico dell'edificio
  • Installare pannelli solari
  • Sostituire gli impianti di climatizzazione invernale

Agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

DETRAZIONE MASSIMA PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO

#Tipo di interventoDetrazione massima
1 Riqualificazione energetica di edifici esistenti € 100.000,00
2 Involucro edifici (pareti, finestre, infissi) su edifici esistenti € 60.000,00
3 Installazione pannelli solari € 60.000,00
4 Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale € 30.000,00
5 Acquisto e posa in opera delle schermature solari € 60.000,00
6 Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili € 60.000,00

Fonte: http//:agenziaentrate.gov.it


E' essenziale, però, che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici esistenti e la prova dell'esistenza può essere fornita dalla sua iscrizione in catasto o dalla richiesta di accatastamento, oppure dal pagamento dell'imposta comunale (Ici - Imu), se richiesta. Ne restano dunque esclusi gli edifici in costruzione, in coerenza con la normativa adottata a livello comunitario secondo cui tutti i nuovi immobili sono assoggettati a prescrizioni minime della prestazione energetica in funzione delle locali condizioni climatiche e della loro tipologia.

Interventi per cui è richiesto il frazionamento dell'unità immobiliare.

In questo caso viene realizzato un impianto termico centralizzato a servizio unicamente delle unità di riferimento.

Interventi senza necessità di demolizione.

Questo caso particolare stabilisce che l'agevolazione spetta solo per le spese riferibili alla parte esistente e non la globalità dell'edificio. Possono essere agevolati, invece, gli interventi per i quali la detrazione è subordinata alle caratteristiche tecniche dei singoli elementi costruttivi o dei singoli impianti. Se questi interventi finiscono per essere al servizio dell'intero edificio, la detrazione si calcola unicamente sulla parte dell'edificio esistente, e non su quella soggetta ad ampliamento.

Come si calcolano queste agevolazioni fiscali per riqualificazione energetica?

Indipendentemente dal totale della somma prevista per le operazioni di ristrutturazione, la detrazione va calcolata su un ammontare complessivo di 10.000€, ripartita in 10 quote annuali di importo pari.

Privati e aziende, c'è differenza?

  • Nel caso in cui la spesa è effettuata da contribuente privato, l'agevolazione consiste in una detrazione dall'Irpef
  • Se invece la spesa è sostenuta da un'azienda o una società, l'agevolazione consiste in una detrazione dall'Ires

A chi sono rivolte queste agevolazioni?

I destinatari delle detrazioni sulle spese di riqualificazione energetica sono:

  • Persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni, condomini, titolari del diritto reale sull'immobile, inquilini, coloro che hanno l'immobile in comodato, familiari conviventi con il possessore o il detentore dell'immobile oggetto di intervento, purché sostengano le spese per la realizzazione dei lavori
  • Contribuenti che conseguono reddito d'impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
  • Associazioni tra professionisti
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale

Per quali altri interventi è possibile richiedere la detrazione?

dell'intervento di riqualificazione energetica mediante contratto di leasing: in questo caso la detrazione spetta all'utilizzatore e si calcola sul costo sostenuto dalla società di leasing.

Come si calcola l'indice di risparmio utile per fruire della detrazione?

Il calcolo si effettua facendo riferimento al fabbisogno energetico dell'intero edificio e non a quello delle singole porzioni immobiliari che lo compongono.

Riqualificazione energetica di edifici esistenti.

Il valore massimo è di 100.000 € e gli interventi sono definiti in funzione del risultato che si ottiene in termini di riduzione del fabbisogno di energia annuale, per la climatizzazione invernale (da luglio anche per la climatizzazione estiva) dell'intero fabbricato. Per fabbisogno di energia annuale si intende la quantità di energia richiesta nel corso di un anno al fine di mantenere (negli ambienti riscaldati) la temperatura di progetto, in modo costante (decreto legislativo n. 192 del 2005).

Per questo tipo di interventi, possono essere sostituiti gli impianti di climatizzazione invernale (limite di 30.000€) e/o gli infissi (limite di 60.000€). In questo caso, se si raggiunge un tasso di prestazione energetica non superiore ai valori richiesti, si potrà fruire di una massima detrazione, equivalente ai 100.000€.

Interventi sugli involucri degli edifici.

Il valore massimo è di 60.000 €, si tratta di interventi su edifici esistenti o parti degli stessi, e che riguardano strutture orizzontali (pavimenti etc.), verticali (pareti), finestre e infissi che delimitano il volume riscaldato, verso l'esterno o verso vani non riscaldati, che rispettano i requisiti di trasmittanza "U" (valori che permette di definire la dispersione di calore verso l’ambiente esterno) definiti dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 2008 e modificati nel 2010.

Attenzione: la semplice sostituzione degli infissi non consente la fruizione della detrazione, perché il beneficio mira ad agevolare gli interventi al fine di produrre un risparmio energetico. In questo caso occorre che, a seguito dei lavori, il consumo energetico si riduca.

Installazione di pannelli solari.

Il valore massimo è di 60.000 € e si tratta di interventi per l'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici, commerciali o industriali.
Requisiti essenziali sono:

  • Un termine minimo di garanzia
  • Conformità dei pannelli alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell'UE e dalla Svizzera

Se ad essere installati sono sistemi termodinamici per la produzione di energia elettrica e termica, saranno oggetto di detrazione solo le spese relative alla produzione di energia termica.

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Il valore massimo è di 30.000 € e questi interventi prevedono la sostituzione (totale o meno) di impianti di climatizzazione invernale esistenti, attraverso l'introduzione di impianti con caldaie a condensazione.

Dal 1° gennaio 2008 le agevolazioni sono concesse anche per impianti di climatizzazione invernale sostituiti con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia.
Dal 1° gennaio 2012 la detrazione è estesa alle spese relative alla sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. In questi due casi, è compresa nell'agevolazione anche la trasformazione di:

  • Impianti individuali autonomi in impianti di climatizzazione invernale centralizzati, con contabilizzazione del calore
  • Impianti centralizzati per rendere applicabile la contabilizzazione del calore

Non è agevolabile, invece, l'installazione di sistemi di climatizzazione invernale in edifici che ne erano sprovvisti.

Le spese detraibili.

  • costi per i lavori edili necessari al risparmio energetico
  • costi delle singole prestazioni professionali
  • spese relative alle forniture e alla posa in opera di materiali di coibentazione e di impianti di climatizzazione
  • costi relativi alla realizzazione di opere murarie
  • costi degli interventi utili a ridurre la trasmittanza termica degli elementi che compongono l'involucro edilizio
  • costi degli interventi utili a ridurre la trasmittanza termica di finestre e infissi
  • costi per la climatizzazione invernale e la produzione di acqua calda
  • smontaggio dell'impianto di climatizzazione invernale esistente e posa in opera delle apparecchiature utili alla sostituzione degli impianti

Limiti e ripartizioni della detrazione.

Il limite massimo di risparmio va calcolato in riferimento al tipo di intervento effettuato e va suddiviso il dieci rate annuali, tutte di pari importo. Nel caso di più interventi, la somma totale della detrazione equivale alla somma degli importi previsti per ciascuno degli interventi effettuati. Quando invece gli interventi consistono nella prosecuzione di lavori appartenenti alla stessa categoria e effettuati in precedenza sullo stesso immobile, il calcolo deve tenere conto anche delle detrazioni fruite negli anni precedenti. Infine, per gli interventi in corso di realizzazione, la detrazione spetta nel periodo di imposta in cui la spesa è sostenuta, a patto che il contribuente attesta che i lavori sono ancora in corso.

Cosa deve fare l'esecutore dei lavori di riqualificazione energetica per usufruire della detrazione?

  • Presentare l'asseverazione per dimostrare che l'intervento è conforme ai requisiti tecnici richiesti. Nel caso di più interventi allo stesso edificio si può presentare una asseverazione unitaria che fornisca i dati e le informazioni richieste
  • Presentare l'attestato di certificazione energetica producibile dopo l'esecuzione degli interventi. Gli indici di prestazione energetica possono essere calcolati attraverso la metodologia semplificata dei decreti attuativi
  • Presentare la scheda informativa relativa agli interventi effettuati e contenente i dati identificativi del soggetto che ha sostenuto le spese, tipologia di intervento, risparmio energetico conseguito, costo, calcolo della detrazione. Questa scheda è rettificabile anche dopo la sua scadenza. La comunicazione di rettifica deve essere inoltrata entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale la spesa può essere portata in detrazione. In caso di sconti riconosciuti dopo l'invio della scheda, il contribuente deve tassare separatamente le somme ricevute. Dunque, eventuali rimborsi vanno inseriti nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno in cui sono stati ricevuti

È necessario poi esibire:

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori bisogna presentare telematicamente all'Enea (la documentazione può essere inviata a mezzo raccomandata con ricevuta semplice entro i 90 giorni dalla data di fine dei lavori, quando la complessità dei lavori effettuati non può essere accuratamente descritta negli schemi che l'Enea mette a disposizione):

  • copia dell'attestato di certificazione o di qualificazione energetica
  • scheda informativa

Nel caso in cui i lavori non sono ultimati, il contribuente può richiedere ugualmente la detrazione per le spese sostenute, a patto che attesti la non completezza degli interventi.

Pagamenti

E' possibile effettuare i pagamenti con modalità differenti, a seconda che il soggetto sia titolare o meno di reddito d'impresa. Pagano tramite bonifico bancario o postale i contribuenti non titolari di reddito di impresa, mentre i contribuenti titolari di diritto di impresa ne sono esonerati. Il pagamento tramite bonifico deve contenere causale, codice fiscale del beneficiario della detrazione, codice fiscale o partita iva del beneficiario del pagamento (qualora i soggetti sono più di uno devono essere riportati tutti i codici fiscali). Effettuato il pagamento, banche e Poste Italiane Spa operano una ritenuta d'accorto dell'imposta sul debito dovuta dall'impresa. Dal 1 gennaio 2015 questa ritenuta ammonta all'8% sul totale dei lavori. La base di calcolo sulla quale operare la ritenuta coincide con l'importo totale del bonifico, iva esclusa. Nel caso in cui il pagamento non avviene tramite bonifico, la ritenuta non va presentata.

Interventi in leasing.

L'Agenzia delle Entrate, attraverso la circolare n. 21/E del 23 aprile 2010, ha fornito delle istruzioni operative ai contribuenti che finanziano interventi di riqualificazione energetica mediante un contratto di leasing, Attraverso queste istruzioni, l'Agenzia ha precisato che:

  • In questo caso vanno applicate le stesse regole previste per i titolari del reddito di impresa, per i quali è escluso l'obbligo di pagamento tramite bonifico bancario o postale
  • La documentazione devono essere assolti dal contribuente che usufruisce della detrazione. L'unica documentazione da presentare deve contenere una dichiarazione che attesti la conclusione dei lavori di riqualificazione energetica e l'ammontare del costo sulla cui base si calcola la detrazione.

Documentazione.

Al fine di godere delle agevolazioni fiscali, è utile conservare ed esibire all'Amministrazione finanziaria (su richiesta) queste documentazioni:

  • Certificato di asseverazione redatto da un tecnico
  • Ricevuta di invio tramite Internet o ricevuta della raccomandata postale all'Enea
  • Fatture che attestano le spese effettuate
  • Ricevuta del bonifico bancario o postale attraverso cui si è effettuato il pagamento (per i contribuenti non titolari di reddito d'impresa)

L'Amministrazione finanziaria può comunque richiedere ulteriori documenti per verificare che la detrazione applicata sia corretta e a norma.

 

Richiedi un appuntamento

Per ulteriori informazioni contattaci, i nostri esperti consulenti risponderanno, senza impegno, ad ogni tua domanda!

COMPILA IL FORM CONTATTI

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza d'uso. I Cookie sono fondamentali per il corretto utilizzo di wezem.it! Per scoprire di più, puoi visionare la nostra privacy policy.